Fabrizio "Faber" De André

Parole e canzoni (1999)

Cofanetto con libro di Roberto Cotroneo con i testi della canzoni di De André ed alcuni commenti e con VHS dagli archi RAI curata da Vincenzo Mollica.

1999 – Einaudi Tascabili 685

Poeta della canzone. Hanno sempre detto così di Fabrizio De André. Per questi testi così diversi da tutti gli altri. Testi che non parlavano solo di amori perduti e disperati, ma anche di diseredati, uomini persi, emarginati, prostitute e personaggi che appartenevano a un mondo di cui nessuno sapeva occuparsi. In questo senso De André è stato un poeta: nel senso più vero del termine. E’ dunque giusto ripercorrerli, questi versi in musica, in ordine cronologico, trovando nessi e corrispondenze, influenze letterarie e musicali. E cercando di capire perché un uomo che ha fatto della musica il suo mestiere è riuscito a lasciare dei versi che reggono il tempo anche da soli. In allegato un video con alcune interviste e le sue canzoni più famose.

  • La domenica delle salme
  • Amore che vieni amore che vai
  • La guerra di Piero
  • Inverno
  • Via del Campo
  • Creuza de ma
  • La città vecchia
  • Hotel Supramonte
  • Rimini
  • La domenica delle salme
  • Don Raffaè
  • Smisurata preghiera
  • La canzone di Marinella
  • Amico fragile
  • Bocca di Rosa
  • Creuza de ma
Scroll Up